Autorisation

 
  •  Quattro persone di Kiev hanno picchiato uno straniero 
  •  Schengen biometrico: aggiotaggio tra gli ucraini 

Gerusalemme: trovato il luogo dove ? stato giudicato Cristo

  • 29.01.2015, 12:56,
  • 0

Tutto ? iniziato 15 anni fa con un piano di espandere il museo storico "Torre di Davide". Ma le cose hanno preso una piega insolita, quando gli archeologi hanno iniziato a togliere gli strati di terreno sotto il pavimento in un vecchio edificio abbandonato, adiacente al museo nella citt? Vecchia di Gerusalemme. Gli archeologi sapevano che tempo fa  - quando questa parte del paese fu di propriet? dei turchi ottomani, e poi durante il regno di Gran Bretagna  - in questo edificio era una prigione. 

Ma man mano che gli scienziati avanzavano con cautela verso l'interno, loro hanno trovato qualcosa di insolito: i presunti resti del palazzo, dove poteva svolgersi una delle scene pi? famose e drammatiche del Nuovo Testamento - il processo di Ges?. 

Gerusalemme: trovato il luogo dove ? stato giudicato Cristo

Ora, dopo diversi anni degli scavi e dopo la pausa, causata dalla guerra e dalla mancanza di fondi, linestimabile reperto archeologico viene mostrato al pubblico: ora qui ci sono le escursioni organizzate dal museo. 

La prigione "? una grande parte dell'antico mosaico di Gerusalemme, ed ? un artefatto molto inusuale che aiuta a comprendere  la storia della citt?," - dice Amit Reem, larcheologo di Gerusalemme, che da pi? di 10 anni copre la carica del caposcavi. Per Reem questo ? diventato un tesoro prezioso che fu custodito sotto l'edificio per diversi secoli. 

Qui hanno trovato tante altre cose: le iscrizioni sui muri della vecchia prigione, fatte dai prigionieri durante la resistenza ebraica (loro combattevano per la creazione dello Stato di Israele nel 1940). 

Sono state scoperte i tini per la tintura delle tele dei tempi dei crociati, le pareti del piano interrato e il drenaggio sotterraneo, che, a quanto pare, furono prima  sotto un palazzo enorme costruito da Erode il Grande,  il re eccentrico di Giudea, che faceva parte dell'Impero Romano. 

Anche se non badare a pi? di 1 milione di pellegrini cristiani che ogni anno vengono a Gerusalemme, il luogo ha un significato speciale, poich? ? qui che avrebbero potuto svolgersi i pi? importanti eventi della vita di Cristo. "Per quei cristiani che necessitano la precisione in materia dei fatti storici, questo reperto ? molto convincente - dice lesperto di storia del cristianesimo e il pellegrinaggio in Terra Santa Yisca Harani.

Tuttavia, per gli altri - quelli che vengono semplicemente alla ricerca di impressioni vivide dal fatto di stare a Gerusalemme - non importa se alla fine il loro tour finisce sul Calvario, dove fu crocifisso Cristo". 

Oggi, molti pellegrini vengono a Gerusalemme per passare la Via Crucis, o la Via Dolorosa, che inizia l? dove secondo la leggenda il procuratore romano Ponzio Pilato fece il processo di Ges?, e lo ha condannato a morte, e finisce dove Cristo fu crocifisso e sepolto. 

Secondo Harani, da quel tempo quando centinaia di anni fa i pellegrini cominciarono ad arrivare a Gerusalemme, la Via Crucis ? stata cambiata pi? volte, tenendo conto di chi all'epoca governava la citt?, e di quello che fu considerato importante. 

Ad esempio, nel periodo bizantino, la Via Dolorosa iniziava pi? vicino al luogo nella parte occidentale della citt?, che oggi ospita un museo. Solo dopo il 13 secolo, il punto di partenza del percorso fu trasferito alla fortezza di Antonio, dove una volta fu una caserma militare romana, e che oggi ospita la scuola adiacente alla Moschea di Al-Aqsa e la Cupola dorata della Roccia. Il clero cristiano, gli storici e gli archeologi stanno ancora discutendo sul posto dove si svolse il processo di Ges?. 

Le domande sulla sua posizione derivano da diverse interpretazioni di quella parte del Vangelo, che descrive come Ges? di Nazareth fa portato a Pilato in "Pretoria" - questo termine fu usato per riferirsi alla tenda da campo del comandante latino nell'esercito romano. 

Alcuni sostengono che il pretorio di Pilato si trovava nelle caserme militari, mentre gli altri credono che il governatore romano, molto probabilmente (come ospite d'onore) doveva fermarsi nel palazzo, costruito da Erode. 

Ora gli storici e gli archeologi ritengono che il palazzo di Erode fu situato nella parte occidentale della citt?, dove oggi si trova il museo "Torre di Davide" e il carcere dell'Impero Ottomano. 

Shimon Gibson, che insegna archeologia presso l'Universit? di Charlotte, North Carolina, ha pochi dubbi che il tribunale si ? tenuto da qualche parte nel palazzo di Erode. Nel Vangelo di Giovanni si dice che il giudizio si ? tenuto presso la porta, che affaccia sul selciato accidentato tutti i dettagli che sono in coerenza con i precedenti recapiti archeologici nei pressi del carcere. 

"Naturalmente, i dati che indicano che questo ? accaduto qui, non sono disponibili, ma tutti i documenti e le cronache - archeologiche, storiche e il testo del Vangelo - tutto corrisponde a questo luogo, e sembra logico che ? qui che si svolse il processo di Ges?," - dice Gibson. 

Rev. David Pileggi, rettore della Chiesa Anglicana di Cristo, nel complesso della quale entrano gli edifici del hotel e del centro culturale vicino al museo, dice che la scoperta nel carcere ? la conferma "di quello che tutti intuivano da sempre: che il processo si svolse sul sito nei pressi della "Torre di Davide". 

Cos?, ora che questi reperti sono presentati al pubblico, potrebbe l'edificio della prigione diventare un nuovo santo luogo-lattrazione per i pellegrini cristiani, o anche il motivo per il reinstradamento della processione religiosa? "Io non credo che accadi nel prossimo futuro, - dice Pileggi il posto diventa un luogo santo dopo i secoli nel corso dei quali la gente affluisce al posto per pregare, piangere e persino per celebrare le feste religiose. 

Quindi penso che ci vorr? tanto tempo per modificare il percorso. Ma la prigione stessa ci d? un quadro pi? chiaro della storia di Gerusalemme. 

Eilat Lieber, direttore del museo "Torre di Davide", nominato in onore di una fortezza medioevale, che in passato sorgeva su questo posto,  spera che l'edificio della prigione  - prima o poi - finir? per diventare il solito sito di escursione per i pellegrini cristiani. I lavoratori del museo hanno gi? cominciato a fare un programma insieme con le guide turistiche, che conoscono bene la storia, per poter spiegare il ruolo svolto dai resti conservati delle mura e dalle gallerie sotterranee diligentemente scavate. 

"Continueremo a lavorare per creare un posto di interesse turistico sul luogo di carcere per ricevere i visitatori, - dice Lieber. In precedenza lei era responsabile per il lavoro educativo e didattico del museo; 15 anni fa ha voluto ampliare e creare sulla base del museo un centro di formazione per i bambini. E anche se i suoi sogni non sono stati ancora realizzati, Lieber ? contenta che grazie alla scoperta di archeologi, ledificio della prigione con i suoi tesori storici sotterranei servir? per una migliore comprensione della storia. 

"Questo edificio assomiglia ad una torta a strati - dice la donna- qui potete vedere tutti gli strati di Gerusalemme." 

Pubblicazione originale: archeologi trovano un possibile sito di  processo di Ges? a Gerusalemme.

Traduzione: http://inosmi.ru/

Laissez un commentaire
Video du jour
Nouvelles
  • Dernier
  • Lire
  • Commentes
Calendrier contenu
«    December 2016    »
MonTueWedThuFriSatSun
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031